1. Quick reserve

    • Ross Hotels Group 3892
    • Palazzo San Niccolo 4372
    • Palazzo Leopoldo 4369
    • Ultimo Mulino 220
    • Palazzo San Lorenzo 5812
    • San Lorenzo Apartments 12290
    • Spa San Lorenzo 5812
    • 1 Notte1
    • 2 Notti2
    • 3 Notti3
    • 4 Notti4
    • 5 Notti5
    • 6 Notti6
    • 7 Notti7
    • 8 Notti8
    • 9 Notti9
    • 10 Notti10
    • 11 Notti11
    • 12 Notti12
    • 13 Notti13
    • 14 Notti14
    • 15 Notti15
    • 16 Notti16
    • 17 Notti17
    • 18 Notti18
    • 19 Notti19
    • 20 Notti20
    • 21 Notti21
    • 22 Notti22
    • 23 Notti23
    • 24 Notti24
    • 25 Notti25
    • 26 Notti26
    • 27 Notti27
    • 28 Notti28
    • 29 Notti29
    • 30 Notti30
    • 1 Camera1
    • 2 Camere2
    • 3 Camere3
    • 4 Camere4
    • 5 Camere5
    • 6 Camere6
    • 7 Camere7
    • 8 Camere8
    • 9 Camere9
    • 10 Camere10
    • 1 Adulto1
    • 2 Adulti2
    • 3 Adulti3
    • 4 Adulti4
    • 5 Adulti5
    • 6 Adulti6
    • 7 Adulti7
    • 8 Adulti8
    • 0 Bambini0
    • 1 Bambino1
    • 2 Bambini2
    • 3 Bambini3
    • 4 Bambini4
    Verifica disponibilità

    le aziende vinicole di radda in chianti

    Visite guidate e degustazione vini nelle aziende vinicole di Radda

    Situato nel cuore delle colline del Chianti, il territorio di Radda ha conservato intatto il suo fascino da tempo immemorabile. Negli anni '50 ha conosciuto l'abbandono delle sue terre e dei suoi casolari, ma con la riscoperta degli anni '70 i vecchi terrazzamenti a viti ed olivi oramai incolti hanno lasciato il posto ad una coltura più intensiva ed estesa con la conseguente ripresa in attività delle numerose Aziende Agricole grandi e piccole presenti nel territorio (interamente compreso entro i limiti del Chianti Classico).

    La fattoria del Castello d'Albola è nel comune di Radda in Chianti, gli edifici più antichi della fattoria, con lo storico cassero, risalgono al XII secolo, quando la proprietà era della famiglia nobile di Monterinaldi. In seguito il Castello di Albola è appartenuto ad altre famiglie illustri della Toscana: gli Acciaiuoli, i Samminiati, i Pazzi, i principi Ginori Conti. Dagli anni '70 Castello d'Albola è di proprietà della famiglia Zonin. La fattoria di Albola si trova in un paesaggio ineguagliabile, reso unico dalla presenza di ville, badie e castelli di eccezionale bellezza, caratterizzato da colline disegnate dai vigneti dove si producono vini di altissimo pregio. La proprietà di Castello d’Albola si estende per 850 ettari nel comune di Radda in Chianti, compreso nella docg del Chianti Classico. I vigneti, che ricoprono 157 ettari della tenuta,” affondano le loro radici nei poderi “storici” di Albola: Mondeggi, Selvole, Ellere, Bozzolo, Sant’Ilario, Casa Nova, Acciaiolo, Madonnino, Fagge, Montemaioni, Montevertine, Crognole e Vignale.

    L'insediamento del Castello di Monterinaldi, situato nel comune di Radda in Chianti - al centro della zona storica più antica del Chianti Classico - si trova in prossimità di un antico tracciato viario etrusco. Il castello rimase nella sua struttura originale fino al 1268 quando, dopo la vittoria nella battaglia di Montaperti, i senesi distrussero le mura di cinta, il càssero e tre abitazioni del castello. Purtroppo dopo le ultime distruzioni, avvenute durante la Seconda Guerra Mondiale, oggi resta una parte di esso, circondato da alcune antiche case. Il Castello di Monterinaldi è attualmente al centro della omonima azienda agricola, la cui sede operativa è la Fattoria Pesanella, situata vicino al castello stesso. Dal 1961 proprietà della famiglia Ciampi, la fattoria è una delle azienda più all'avanguardia nel settore della sperimentazione vinicola. L'estensione complessiva della tenuta è di oltre 400 ha., composti da vigneti, oliveti, noceti, boschi e pascoli. I poderi e i casali sparsi per il territorio hanno mantenuto il loro stile rurale e sono oggi abitati dai dipendenti dell'azienda, offrendo loro il comfort ideale per una vita in mezzo alle splendide terre assolate del Chianti Classico.

    La Fattoria di Volpaia nasce nell'XI secolo come borgo fortificato sullo spartiacque di due piccole valli, terra di frontiera tra Firenze e Siena. Volpaia è stata costruita dalla famiglia fiorentina dei "della Volpaia", famiglia molto illustre che nei secoli XV e XVI, in pieno Rinascimento, vide fra i suoi appartenenti esperti costruttori di orologi, sfere armillari, compassi e notturlabi ed eruditi artisti tra cui Benvenuto e Lorenzo, quest'ultimo amico di Leonardo da Vinci e noto per aver costruito per conto di Lorenzo de' Medici l'orologio planetario per Palazzo Vecchio a Firenze, la cui copia si trova ora al Museo di Storia della Scienza di Firenze. Le vicende storiche di Volpaia e delle famiglie che l'hanno posseduta sono sempre state legate allo sviluppo viticolo del Chianti. Oggi come nell’XI secolo l’intero borgo è del tutto coinvolto nella produzione viti-olivicola, in quanto le tinaie e le cantine, la vinsantaia e l’imbottigliamento, l’orciaia e il frantoio sono ancora ospitati nei sotterranei, nei palazzetti, nelle chiese sconsacrate e nei fabbricati del borgo, fra loro uniti da un sorprendente “vinodotto” sotterraneo.